Nov 24 2018

S. Nicola sbaglia approdo…

… e anche quest’anno è venuto da noi per salutare tanti amici olandesi, fiamminghi (e italiani) che amano Angera e la scelgono per festeggiare questa importante ricorrenza popolare in queste e altre nazioni.

Nov 20 2018

È ufficiale: l’ospedale torna tra i laghi

Da oggi, è ufficiale, l’ospedale di Angera va sotto Varese, alla “ASST dei sette laghi”.
Il Consiglio regionale ha oggi approvato la proposta di riportare l’ospedale di Angera, insieme al suo territorio di riferimento, sotto la direzione di Varese e non più verso quella di Busto Arsizio.
Questi tre anni sotto Busto Arsizio hanno comportato diversi e importanti problemi per il nostro ospedale.
Da gennaio inizia una nuova sfida, finalmente insieme al nostro territorio, con una dirigenza di ASST che sarà completamente rinnovata e nuovi e differenti referenti per discipline.
Problemi ce ne saranno sicuramente, ma l’aspetto positivo che si rileva dall’insediamento del nuovo governo regionale è che la Regione sta ascoltando i sindaci.
 La Regione vuole che sindaci e istituzioni sanitarie, insieme, elaborino un progetto coerente di rilancio del nostro ospedale.
Per questo, da mesi è stato istituito un tavolo di confronto, dove dopo una attenta analisi epidemiologica, si sta costruendo un percorso sostenibile da far analizzare ai vertici politici della regione Lombardia che attendono la proposta.
Vi ricordate questa immagine che mostrava il paradosso dell’ospedale scollegato dal territorio verso Busto? Ora la stella torna del colore del suo territorio.

Nov 18 2018

Mettetemi qui

Su un albero del cimitero di Angera c’è scritto: mettetemi qui. Chi l’avrà scritto?

Qualcuno, oggi, mi ha svelato il singolare messaggio. Il “mettetemi qui” sull’albero del cimitero non era l’esortazione di una persona … ma più semplicemente era il riferimento ad un chiodo conficcato nell’albero che serviva per far appendere le scope e non lasciarle in giro.

Quando si dice l’interpretazione dei segni…

Nov 17 2018

Si impara e ci si diverte al museo

Clicca qui per leggerlo su Varesenews

Alle 15,30 di domenica, al Museo, per i bambini. Segue alle 17,30 la conferenza su come parlavano i Goti e i Longobardi e i nuovi suoni e parole introdotte da loro nella nostra lingua.

Nov 17 2018

Le scuole crescono

Le esigenze scolastiche aumentano e quindi le risposte devono essere adeguate.

Questa estate abbiamo risolto i problemi di sicurezza, creando un anello anti-incendio che arriva in ogni punto delle scuole elementari. Abbiamo anche creato un locale per le attrezzature da palestra, che prima venivano ammucchiate sul bordo campo – con pericolo per i ragazzi. Abbiamo realizzato un bagno per la palestra, a vantaggio anche di chi svolge attività sportive extrascolastiche nelle ore pomeridiane e serali, poiché non disponevano di un bagno interno, con grande disagio soprattutto per i più piccini, in inverno e nelle ore serali.

Ora, ci proponiamo di dar soluzione ad altre due esigenze:

-La prima riguarda la mensa delle scuole elementari che ha degli spazi insufficienti, costringendo alcune classi ad andare a mangiare alle medie. Abbiamo progettato di ampliare i locali sul retro, creando un ampio spazio tutto a vetrata, per far godere della luce. E siccome l’idea è di arrivare a chiudere l’accesso alle auto all’interno degli spazi scolastici, prevedere un’ampia area erbosa dinanzi alle vetrate, per lasciarli a contatto col verde e in estate con le vetrate aperte, ancor più.

-La seconda riguarda la sala computer delle medie, che si trova in un piccolo locale, al piano interrato, dove c’è anche la mensa. Abbiamo pensato di costruire un’aula apposita al piano delle classi, nello spazio libero sul fondo dell’edificio, seguendo il disegno della stessa scuola. Questo intervento permetterà di mettere in sicurezza la riva subito a monte e risolvere alcuni problemi di infiltrazione delle acque piovane in quella parte di edifico. In più riusciremo a creare spazi più ampi anche per la mensa delle medie.

Queste opere dovremmo riuscire a realizzarle, poiché ad ottobre lo Stato ha previsto uno sblocca-bilancio che dura solo sino a dicembre.  Dovremmo farcela ad aderire – correndo e se non ci sono intoppi – grazie all’idea che da un paio di anni stiamo adottando: preparare progetti da tener pronti, per sfruttare le piccole finestre temporali degli sblocchi di bilancio che arrivano all’improvviso e durano pochissimo.

Nov 06 2018

Si torna a parlare di sanità

Clicca di seguito per leggere l’articolo su Varesenews:

https://www.varesenews.it/2018/11/ospedali-varesini-si-cambia-sara-caos/765937/?fbclid=IwAR014ZCa-wq-aoteHSh-i0Cfh4Dt8Fu81YbJT2R2dfl-FKiA61JTpVnHXVE

Nov 06 2018

Il lago inizia ad esondare

 

8 novembre – 

– ore 21,30: Per la nottata odierna tra giovedì e venerdì, sono previste solo sporadiche e deboli piogge sull’arco prealpino. Nella giornata di domani non sono previste piogge. Le precipitazioni di moderata intensità inizieranno nella nottata di domani, venerdì e perdureranno per tutto il sabato.

Il livello del lago sta scendendo lentamente. Il lago è retrocesso a 195,62 mt/slm (alle ore 21,00) mentre era a195,72 alle ore 20 di ieri. Quindi è sceso di soli 10 cm nelle ultime 25 ore.

Alle ore 21,00, l’afflusso di acqua al lago è minore del deflusso (900 m3/sec affluiscono, contro i 1260 che defluiscono).

Risultano allagati: la spiaggia del campeggio in Bruschera, gli accessi all’oasi, i porticcioli di Amur (viale libertà) e di via Pietro martire, il lungolago di viale Libertà e di piazza Volta, (compreso il parcheggio), la spiaggia della noce.

Risultano parzialmente allagati: il lungolago di piazza Garibaldi, la spiaggia della nocciola.

Si consiglia di sgomberare cantine e piani bassi, in zone prossime al lago.

Prestare attenzione alle aree prossime al lago. Non parcheggiare in piazzale Volta e nell’area di alaggio di fianco al porto. Non accedere allo scivolo del lido La noce e alla rampa di accesso alla Nocciola. Non avventurarsi nell’oasi.

 

7 novembre – 

– ore 15,30: Per le prossime 24 ore sono previste solo deboli piogge sull’arco prealpino a nord del lago. Non ad Angera.

 

Il livello del lago sta crescendo ancora con una media di 1 cm/ora. Il livello del lago ha raggiunto (alle ore 15) i 195, 70 mt/slm (era a195,00 alle ore 6 di ieri 6/11). E’ cresciutodi 70 cm da ieri. Per Angera il livello del lago comincia a diventare critico dai 196,20 mt/slm.

 

Alle ore 15 l’afflusso di acqua al lago è ancora elevato (2100 m3/sec contro i 1350 di ieri) ed è ora poco meno di 2 volte il quantitativo defluito (1280 m3/sec). Quindi attualmente entra il doppio dell’acqua che esce. 

 

Risultano allagati: la spiaggia del campeggio in Bruschera, gli accessi all’oasi, i porticcioli di Amur (viale libertà) e via Pietro martire, la spiaggia della noce.

Risultano pazialmente allagati: il lungolago di piazza garibaldi, di viale libertà e di paizza Volta, (compreso il parcheggio), la spiaggia della nocciola.

 

Si consiglia di sgomberare cantine e piani bassi, in zone prossime al lago. 

Prestare attenzione alle aree prossime al lago. Non parcheggiare in piazzale Volta e nell’area di alaggio di fianco al porto. Non accedere allo scivolo del lido La noce e alla rampa di accesso della Nocciola. Non avventurarsi nell’oasi.

Ore 6: Per oggi, persistono le piogge sino alle ore 12, sull’arco a monte del lago maggiore, sebbene ad Angera siano già in attenuazione dalle ore 5. Il maltempo perdurerà i prossimi giorni, almeno sino a sabato 10/11.

Il livello del lago ha ripreso a crescere velocemente, ad una media di 3 cm/ora nelle ultime ore (ieri saliva a meno di 1 cm/ora). Il livello del lago ha raggiunto (alle ore 6) i 195, 56 mt/slm (era a195 alle ore 6 di ieri 6/11). E’ cresciuto per più di mezzo metro nell’ultimo giorno. Per Angera il livello del lago comincia a diventare critico dai 196 mt/slm.

Alle ore 6 l’afflusso di acqua al lago è decisamente aumentato (2900 m3/sec contro i 1350 di ieri) ed è ora poco meno di 3 volte del quantitativo defluito (1100 m3/sec). Quindi entra il triplo dell’acqua che riesce ad uscire. Siamo prossimi ai quantitativi massimi di afflusso registrati negli anni.

Il lago continua la sua salita probabilmente sino almeno all’ora di pranzo.

Attualmente copre l’intera spiaggia la noce, per più di metà il pratone di viale Libertà e quasi metà di quello di piazza Garibaldi. Interessa per metà il parcheggio di p.zale Volta, le aree antistanti i cantieri e il campeggio in Bruschera.

Si consiglia di sgomberare cantine e piani bassi, in zone prossime al lago.

_____________

6 novembre – Persistono le piogge, che perdureranno per tutta la giornata, la nottata e anche i prossimi giorni, almeno sino a sabato 10/11. Non deve trarre in inganno il fatto che le precipitazioni ad Angera possano essere contenute e sporadiche. Il fronte delle piogge si concentra ancora sull’arco prealpino e a nord del bacino del lago. Questo fatto determierà una salita del lago che dipende dalle quantità d’acqua caduta e dal livello dello zero termico, che attualmente è abbastanza elevato a 2000 metri.

Il maltempo perdurerà per diversi giorni.

Il livello del lago ha superato i 195 mt/slm. (195.03 alle ore 8 e 195,09 alle ore 11 di oggi 6/11). A 195,20 cominciano le esondazioni in diverse località del lago. Per Angera il livello del lago comincia a diventare critico dai 196 mt/slm. Nelle ultime 24 ore la crescita è stata contenuta in 18 cm, al di sotto di 1 cm/ora. Mentre nell’intervallo ore 8-11 è salito oltre 1 cm/ora.

Alle ore 11 l’afflusso di acqua al lago è aumentato (1764 m2/sec contro i 1350 delle precedenti 24 ore) ed è ora poco meno del doppio del quantitativo defluito (970 m2/sec). Quindi entra il doppio dell’acqua che riesce ad uscire, (ma i quantitativi non sono eccezionalmente elevati, sono circa la metà degli afflussi massimi).

Il lago continua la sua salita e non è previsto per oggi un arresto.

Per la giornata odierna si consiglia di tenere monitorato il livello del lago e considerare l’opportunità di sgomberare cantine e piani bassi, in zone prossime al lago.

_____________________

5 novembre – Dalla serata di ieri (4/11) sono ricominciate le piogge, che perdureranno per tutta la giornata, la nottata e anche domani, martedì 6/11. Non deve trarre in inganno il fatto che le precipitazioni ad Angera possano essere contenute e sporadiche. Il fronte delle piogge si concentra sull’arco prealpino e a nord del bacino del lago. Questo fatto determierà una salita del lago che dipende dalle quantità d’acqua caduta e dal livello dello zero termico.

Il maltempo perdurerà per diversi giorni.

Il livello del lago che in queste giornate ha registrato un lievissimo calo (di soli 16 cm), da stanotte è ricominciato a salire nuovamente.

Per la giornata odierna si consiglia di tenere monitorato il livello del lago e prevedere lo sgombero di cantine e piani bassi, in zone prossime al lago, a seconda dell’evoluzione della crescita del lago.

_____________________

4 novembre –  Dalla serata di oggi (4/11) sono previste piogge, che perdureranno tutta la notte, domani e anche martedì 6/11, sull’arco prealpino e a nord del bacino del lago.

Il livello del lago che in queste giornate ha registrato un lievissimo calo (di soli 14 cm), da domani tenderà a salire nuovamente.

Il maltempo perdurerà per diversi giorni.

Per la giornata odierna non vi sono particolari raccomandazioni, tranne quelle di prevedere l’eventuale sgombero di cantine e piani bassi, in zone prossime al lago, a seconda dell’evoluzione della crescita del lago nei giorni prossimi.

_____________________

2 novembre –  Per oggi (2/11) sono previste deboli piogge, sparse.

Il livello del lago tende a stabilizzarsi a poco meno di 195 metri slm. 

Dopo il veloce riempimento dei giorni scorsi (2 metri in poco più di 2 giorni), la salita è stata più modesta, di circa 25 cm., negli ultimi 2 giorni.

Il maltempo perdurerà per diversi giorni.

Per la giornata odierna non vi sono particolari raccomandazioni, tranne quelle di prevedere l’eventuale sgombero di cantine e piani bassi, in zone prossime al lago.

_____________________

1 novembre – Dal sopralluogo per la città e le frazioni di stamane (1/11) non si segnalano criticità particolari.

Il livello del lago ha ripreso a salire. Alle ore 10 di oggi (1/11) era a 194,86. 14 cm in più rispetto al livello massimo di ieri. E’ cominciato ad esondare sul secondo pratone (dal porto all’imbarcadero) e per metà della spiaggia del lido la Noce. Il parcheggio di piazzale volta comincia ad essere invaso dall’acqua negli ultimi stalli.

Si invitano i proprietari e gestori delle attività e abitazioni vicine al lago a prevedere di sgomberare cantine, magazzini e piani bassi, precauzionalmente.

Le previsioni meteo danno un rallentamento dei fenomeni piovosi per la giornata ed una ripresa in serata tarda.

Terremo aggiornata la pagina con le raccomandazioni.

Di seguito le indicazioni fornite dalla Protezione Civile Naionle per prevenire ed affrontare le alluvioni. 

Nov 01 2018

Meteo e lago

Da stamane alle 6,30 alle 9,30 abbiamo effettuato il sopralluogo per la città e le frazioni. Non si segnalano criticità particolari.

Il livello del lago ha ripreso a salire. Alle ore 10 di oggi (1/11) era a 194,86. 14 cm in più rispetto al livello massimo di ieri. E’ cominciato ad esondare sul secondo pratone (dal porto all’imbarcadero) e per metà della spiaggia del lido la Noce. Il parcheggio di piazzale volta comincia ad essere invaso dall’acqua negli ultimi stalli.

Le previsioni meteo danno un rallentamento dei fenomeni piovosi per la giornata ed una ripresa in serata tarda.

Per comprendere la quantità d’acqua scesa negli ultimi giorni, basti pensare che sabato 27 ottobre nel lago maggiore erano presenti solo 56 milioni di metri cubi di acqua ed oggi sono diventati 470. Oggi, dopo solo 4 giorni, c’è 9 volte il contenuto del lago di pochi giorni fa. Nella sola giornata di oggi (che non è stata particolarmente critica) è entrata tanta acqua quanta ne era presente ne lago sabato scorso.

Ott 31 2018

Il lago è salito rapidamente

Dopo la lunga magra di questi mesi, il livello del lago è salito rapidamente di ben 2 metri, in soli 2 giorni. In questo momento non sta crescendo (da ieri sera), ma le previsioni meteo dei prossimi giorni che danno forti piogge, devono tenerci allertati su possibili rischi di esondazioni.

Così, per la Protezione civile e per i tecnici comunali, dopo il lavoro di domenica e lunedìa causa degli allagamenti a strade e scantinati pubblici, si prepara altro lavoro per l’eventuale rischio esondazioni.

Si invitano i proprietari e gestori delle attività e abitazioni vicine al lago a prevedere di sgomberare cantine, magazzini e piani bassi, precauzionalmente.

Seguiranno nuovi aggiornamenti nelle prossime ore e per i prossimi giorni.

Ott 25 2018

Ospedale a Varese dal 1 gennaio 19

Pagina 2 di 23612345...102030...Ultima »