I Giovani

Per i piccoli. Sono poco meno di 300 i piccoli angeresi con meno di 5 anni. Loro sono il futuro e per loro bisogna lavorare.

Per divertirsi non c’è molto ma se si sistemassero i giardinetti…
C’è da reinventare il nuovo asilo. Che ne sai dell’idea di farne uno nuovo in via Arena?

Per i bambini e gli adolescenti. Elementari, medie e poi il salto verso le scuole superiori. I bambini e gli adolescenti (a fine 2009 erano 469 gli angeresi compresi nella fascia di età tra i 6 e i 14 anni)  hanno bisogno di spazi per crescere. Bisogna scavare nelle loro esigenze e nei loro desideri per creare degli angoli alla loro portata.

Con la scuola si dovrebbe fare molto, molto di più. Se gli organismi scolastici si rendessero disponibili, si potrebbe iniziare una proficua collaborazione. Coinvolgere gli studenti, con la supervisione degli insegnanti, in programmi di partecipazione alla vita pubblica.

Per esempio, la redazione su semplici fogli A4 delle proposte che possono venire da siti internet o da questionari.  In futuro gli studenti potrebbero divenire dei ‘redattori’ di un bollettino comunale dove si divulgano iniziative ed opere realizzate dall’amministrazione. Destinando una pagina ai loro commenti e alle loro proposte.

..e quante iniziative per l’ambiente (ecologia del nostro territorio – lago, oasi, campagna e boschi-, consumi ed ecosostenibilità),  per l’educazione civica.., e tanto altro.

In giro col sindaco. Iniziative per mostrare ai ragazzi il territorio perché in seguito siano loro a farlo apprezzare agli altri. Per esempio, una serie di escursioni in giro col sindaco in bici o a piedi per scoprire nuovi itinerari ecologici sul territorio. Individuare coi ragazzi i punti dove è necessaria della segnaletica. Finite  le ricognizioni si andrà tutti insieme a piantare le paline (la segnaletica). Sul retro di ogni palina sarà indicato, l’anno, la classe e il nome del ragazzo che (dopo aver partecipato all’iniziativa) la pianterà al suolo. Cosicché ricordandosene porterà gli amici e poi un giorno la fidanzata e, più tardi ancora, i figli per far scoprire il nostro territorio.

Potremmo delegare ai giovani una campagna all’inverso “educa un adulto“, per far apprendere ai ragazzi come va fatta la raccolta differenziata e farla insegnare da loro stessi ai genitori – c’è ancora troppo secco nell’immondizia! Far dire dalla loro voce che buttare nel secco vuol dire riempire discariche che per centinaia o migliaia di anni rimarrano piene della plastica dei genitori o dei nonni.

Con i ragazzi. Sport e divertimento. Lavoro e assistenza. Alcuni cercano anche casa. Voi giovani chiedete molto ad Angera. Con voi si può progettare e costruire.

Cosa ne pensi dell’idea di fare un consiglio dei giovani (ed un altro degli anziani) che si riunisca periodicamente per discutere le problematiche e le iniziative da proporre al sindaco? Una specie di consiglio comunale parallelo che mostri alla giunta il punto di vista dei giovani sugli argomenti del momento.

Sala lettura ed internet point. Bisognerebbe adibire una sala per lettura-studio, multifunzionale con un paio di computer collegati ad internet e una rete interna wireless per chi viene col proprio PC e si vuole collegare on-line. Una miniteca con CD e DVD  (magari ceduti dalla gente) da poter utilizzare sul posto per svago o come accompagnamento del lavoro al PC.

9 comments

1 ping

  1. renzo

    per essere un comitato civico, mi sarei aspettato che vi presentaste con nome e cognome, perchè solo così i cittadini saprebbero chi sono i componenti del gruppo che sanno mettere la propria faccia.
    Senza alcuna polemica, ma credo che questo neo sia da colmare al più presto.

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

    1. admin: Alessandro

      Caro Renzo, grazie dell’osservazione.
      L’idea del blog è venuta a me. Mi chiamo Alessandro Paladini Molgora, sono un vecchiaccio di 52 anni, vivo e lavoro ad Angera da 20 anni e quindi mi considero angerese. Ne ho parlato con conscenti a cui è piaciuta l’idea di una consultazione ed un confronto pubblico tra noi angeresi su quali possano essere le cose da fare per migliorare Angera. Così il 15 settembre ci siamo trovati ed abbiamo dato un nome al comitato.
      Il blog è aperto a chiunque per poter commentare, dire la propria opinione e proporre. E’ aperto anche ai politici di ogni colore che vogliano attingere alle idee che man mano si aggiungono all’elenco, perché ne facciano diventare punti del proprio programma elettorale. Per noi angeresi l’importante è che qualcuno realizzi qualcosa di utile per la nostra città. Se questo fosse il frutto anche di un confronto pubblico sarebbe meglio. Se venisse da idee espresse in questo blog ci gratificherebbe perchè non farebbe sentire vano il lavoro fatto. Questo blog vuole essere solo un contenitore di idee sparse di un comitato che via via includa il maggior numero di persone, anche tutti gli angeresi – sogno o delirio? – ecco perchè non ho scritto nomi. In realtà ho fatto anche un gruppo in Facebook che si chiama CambiAngera, che ha un significato più operativo, dove riporto gli incontri fatti e quelli in programma e dove mi qualifico meglio. Ma perdona, con il computer non me la cavo abbastanza bene e perciò non sono riuscito ancora a creare il link sul blog e chissà quali altri casini ho combinato su Facebook, perchè ci sono entrate solo poche persone. Anzi se tu sai come fare o conosci qualcuno che sappia usare Word-press, fammelo sapere.
      Mi piacerebbe incontrarti per parlare con te. Immagino che tu sia un giovane, visto che hai scritto sulla pagina dei giovani. E’ proprio su questo fronte che non siamo riusciti ancora ad esprimere idee forti. Sentiamo che manca molto ad Angera per i 15-25enni ma non sappimo cosa. Aiutaci anche tu. Se puoi, chiamami. Il mio numero di telefono è quello che ho scritto sul pieghevole che stiamo distribuendo in questi giorni ed è 366 2092243.
      Ciao e grazie ancora. Anzi, mi hai dato una giusta idea: ora rimedio scrivendo una pagina per i contatti.
      Alessandro

      Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

  2. francesca vesco

    Mio nipote di 16 anni ed i suoi amici questa estate si sono ritrovati spesso (praticamente quasi tutti i giorni) a casa mia per semplici partite a carte, giocare con la wii o per vedere un film….
    Stupita di come questi ragazzi senza grilli per la testa passassero delle semplici serate
    in compagnia, durante le vacanze ho ristrutturato un locale attiguo a casa mia coinvolgendoli come imbianchini, stuccatori, muratori…è stato divertentissimo (il risultato un pò meno), tra poco sarà pronto ma nel frattempo mio nipote è tornato a Milano…ed i nostri giovani angeresi ?
    Qualche giorno fa passando da Via Cavour ho notato lo stato di degrado dei locali (di
    proprietà del comune) dove tanti anni fa andavo a giocare a ping pong….
    Com’è possibile, in pieno centro paese, lasciare un immobile che potrebbe essere usato
    per diverse attività ricreative in un simile stato di inagibilità??
    Scusate lo sfogo…..

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 2 Thumb down 2

  3. nadia scagliosi

    Buongiorno.
    ho un figlio di 15 anni che va a scuola ad Arona ed il problema della mancanza di spazi di socializzazione per i ragazzi è da me molto sentito.
    L’unico spazio loro concesso in passato era l’oratorio che poi a causa di alcuni vandali è stato chiuso ai più ed è ora gestito come spazio privato ad uso esclusivo
    di chi pratica attività inerenti all’ambito cattolico, scelta a parer mio alquanto discutibile in quanto ho sempre creduto che il ruolo dell’oratorio fosse di recupero e aiuto verso tutti. Ora i ragazzi si ritrovano nelle case dei familiari ma credo manchi loro uno spazio pubblico in cui poter stare insieme.
    Cordiali saluti.
    Nadia

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 2 Thumb down 0

  4. Tania

    spero che con la realizzazione del nuovo parco in piazza Garibaldi venga effettuato un sistema di videosorveglianza al fine di evitare inutili atti vandalici come si verificava in precedenza.
    Cordiali saluti Tania

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

  5. Friderike

    La situazione di traffico e parcheggio davanti alla Scuola Materna (Asilo Infantile Vedani) nella Via Aldo Moro mi sembra molto pericolosa. Alle ore della entrata e uscita della Scuola tantissime macchine passano e parcheggiano davanti alla Scuola, ogni giorno é un casino, e é pericolissimo per i bimbi che arrivanno alla Scuola a piedi o con le loro biciclette. Capisco che i genitori che portano i propri bimbi in macchina non vogliono pagare il parcheggio nella zona blu della Piazza Pasque o sul Lungolago, e infatti non mi sembra giusto farli pagare per i 10 min di lasciare o raccogliere i bimbi. Comunque penso che una buona soluzione sarebbe di chiudere la Via Aldo Moro completamente al traffico, per lo meno fra le 8 e 9.30 della mattina, le 13 -14h e le 15.30-16.30, e invece offrire ai genitori che hanno bisogno di portare i bimbi alla Scuola in macchina di parcheggiare senza pagare sui parcheggi blu che sono vicini alla Scuola. Spero molto che il Comune ci aiuterá a risolvere questo problema per la siccurezza dei nostri bimbi.

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

    1. MASSIMO DOTTA

      Ho avuto modo di leggere il bollettino del comune con la presentazione del nuovo asilo in via arena, così finalmente si toglierà il traffico dalla zona che lei cita. Sarebbe una buona idea che lei e altre mamme faceste una petizione al municipio (alla nuova amministrazione ormai) affinchè chieda ai vigili urbani di andare in periferia negli orari caldi che lei indica, però vorrei sapere se proprio tutti pagano per quei dieci minuti e se tutti si fermano solo per quei cinque o dieci minuti atti a prendere i figli. Certo che se c^é una norma e qualcuno oltre a prendere i figli allôra indicata arriva mezz’ora prima per prendere un caffé e fare qualche parola con altre mamme e poi se ne va alle 17, forse non é più problema del recupero dei figli. Ribadisco che nel prossimo futuro, con il nuovo asilo il problema lo vedo risolto.

      Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

  6. Anonimo

    Ma come è possibile che invece di cercare di valorizzare il centro storico (come fanno in altri paesi) e le attività commerciali che lo rendono ancora vivo si stia progettando di ELIMINARE DEI PARCHEGGI IN PIAZZA PARROCCHIALE, DI AMPLIARE IL VERDE E DI FARE IL SENSO UNICO PER I VEICOLI!!!!
    Servono i parcheggi, quando devo fare delle commissioni è già difficile trovarne ora in Piazza Parrocchiale!!!
    Ma perchè i commercianti non si ribellano? E noi cittadini dobbbiamo assistere inermi a strategie di interessi personali e non per la comunità angerese di cui faccio parte! PARLIAMONE, RIBELLIAMOCI!!

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

  7. aranjamente funerare

    Appreciating the time and effort you put into your site and detailed information you offer. It’s great to come across a blog every once in a while that isn’t the same out of date rehashed information. Wonderful read! I’ve saved your site and I’m including your RSS feeds to my Google account.

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

  1. shopping online for all

    Check this out…

    you’re truly a excellent webmaster. The website loading pace is amazing. It seems that you’re doing any distinctive trick. Furthermore, The contents are masterwork. you’ve done a excellent job on this subject!…

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>