«

»

Feb 05 2018

Quando la politica se ne sbatte delle scelte fatte dai cittadini

Voi sareste propensi a pensare che certa politica tenga conto delle indicazioni date da tutti noi cittadini esprimendo un voto in un referendum?

Illusi! Sì, illusi.

Già diversi anni fa votammo un referendum che aboliva il ministero della sanità e surrettiziamente venne inventato il ministero della salute, che nelle intenzioni originarie si doveva occupare solo di temi di salute – appunto – generale e poi progressivamente si è rimesso a occuparsi di politica sanitaria, imponendo scelte, modi e tempi col ricatto della leva sulle risorse messe a disposizione.

Ora la Ex-ministra Lorenzin, convinta di tornare a fare la ministra in una intervista a “Il Quotidiano Sanità” dice “Non le nego che sono rimasta molto delusa dal no al referendum costituzionale perché all’interno della riforma c’era la rivisitazione del titolo V che secondo me dev’essere corretto ridando più poteri allo stato per l’uniforme attuazione delle riforme, delle linee guida, dei Pdta (che oggi sono diversi da Asl ad Asl), e poteri di controllo e sanzione laddove si ledano i diritti dei cittadini”.

E adesso? “Se vinciamo via il titolo V e il superticket”. 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar