«

»

Ago 25 2017

Revoca deleghe

Oggi ho formalizzato la revoca dell’incarico di assessore e il ritiro di tutte le deleghe al Consigliere Lorenza Marzetta. La decisione è la naturale conseguenza del passaggio della consigliera in un gruppo di minoranza. La scelta fatta dalla consigliera è accompagnata da una serie di rimostranze che evidenziano l’incompatibilità della stessa nel ruolo di assessore.

Ieri l’altro ho convocato la signora Marzetta per la comunicazione della decisione presa e ho appreso le motivazioni della sua scelta repentina.
Spiace constatare che ancora una volta, come ai tempi dell’altra fuoriuscita, errate interpretazioni di azioni o articoli di giornale, gelosie e sentito dire, possano mettere in imbarazzo una amministrazione e creare malumori nella cittadinanza. Troppo spesso la mania di protagonismo o il timore di venir sminuiti prevale sul dovere che l’incarico assegnatoci dai cittadini comporta e sugli interessi comuni che dovremmo perseguire come unico obbiettivo. Così, scimmiottando la brutta politica o inconsapevolmente si compiono balzelli consiliari e si passa da costruttori a denigratori dell’operato a cui si è partecipato sino al giorno prima.
Tra le motivazioni addotte per la fuoriuscita, appare poco credibile che un assessore, membro del massimo organo di governo, possa essere tenuto all’oscuro di scelte o decisioni. Tutto passa da lì. Egualmente, l’attività di un assessore lo rende responsabile delle azioni di governo che gli competono. Per cui sentirsi “assessori di serie A e di serie B” è la sola conseguenza di quello che si crede di esser riusciti a fare. Infine, per le proposte non accolte, ricordo che è naturale in decisioni di gruppo. Tutti noi abbiamo avuto dei progetti che non sono stati accolti o abbiamo visto ritardare dalla decisione della maggioranza o della giunta.
Questa maggioranza ha ora degli impegni importantissimi per la città che devono essere realizzati, nonostante si siano sottratti al proprio impegno elettorale i due consiglieri del gruppo Angera Futura. Tra questi ricordo gli adeguamenti per la sicurezza delle scuole, la nuova scuola materna, grossi lavori fognari e molto altro ancora. Il parcheggio per l’ospedale vedrà il compimento per l’autunno. L’attenzione per la salvaguardia dell’ospedale di Angera non permette minimamente di abbassare la guardia. C’è una lunga lista di azioni in cantiere per migliorare la nostra città. Sarà impegnativo, ma non abbiamo paura, ne vale la pena. La macchina del fango la lasciamo ad altri.
Alessandro Paladini Molgora
Sindaco d’Angera
 

Lascia una recensione

4 Commenti on "Revoca deleghe"

Notificami
avatar
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Anonymous
Ospite
Grazie Signor Sindaco per tutto quello che sta facendo. I cittadini sono consapevoli del fango che, quotidianamente, Le viene buttato addosso. Evidentemente queste persone, non avendo saputo collaborare in squadra , pensano di rovinare l’ottimo lavoro sin qui fatto con qualche immagine o insignificanti articoli. Il percorso è ancora lungo e i lavori da portare a termine sono tanti e impegnativi. Professionalità e coraggio devono accompagnarvi in questo cammino. Calunnie, offese e scredito saranno ancora utilizzate da questi signori incapaci di argomentare con valide proposte alternative le scelte della Vostra Maggioranza. Grazie ancora Signor Sindaco e validi collaboratori…abbassare la guardia… Leggi il resto »
Peppo Pig
Ospite

Di solito i commenti vengono approvati a notte inoltrata questo poco dopo le 17 a poche ore dopo la pubblicazione del post, non è per caso che sia stato scritto dalla stessa persona?

 
realista
Ospite

Manca solo la firma : me la canto e me la suono bravo , pubblica solo lodi e celebrazioni .

 
Anonymous
Ospite

Noto con piacere che l’80% dei lettori condivide quanto scritto dall’anonimo. Il 20% ( 3 lettori ) saranno i produttori di fango ed un loro vicino amico. Vorrei tanto che questo 20% mediti se cambiare linea d’azione o, lo consiglio, partito. Mi unisco all’anonimo consigliando questi signori ad essere propositivi….smontare un orologio son capaci tutti è rimontarlo che diventa difficile in particolare modo se non sei orologiaio .