«

»

Ago 22 2017

Sui migranti

In questi giorni si è alzato un gran polverone sulla questione migranti. Spiace che in particolare ad attizzare il fuoco siano un ex assessore e un consigliere comunale che facilmente potrebbe reperire informazioni sull’operato dell’amministrazione sul tema, visto che l’accesso agli atti a lui è consentito in ogni istante. Tant’è. La cifra è sempre la stessa.

Premetto che l’accoglienza dei migranti avviene con due modalità. O il Comune aderisce al programma ministeriale SPRAR, cosa a cui il comune di Angera non ha aderito per diversi motivi (costringe i comuni a cercare alloggi, gestire pasti, organizzare i gruppi, istituire corsi di lingua, educazione stradale, cercare di integrarli, mettere a disposizione il già risicato personale comunale, pagare una quota (seppur del 5%) che si fa fatica a reperire per gli altri crescenti problemi sociali di diversi cittadini). Oppure, delle organizzazioni/cooperative, affittando alloggi da privati, su indicazione del Prefetto, sistemano i migranti in questi appartamenti, scavalcando qualsiasi decisione da parte delle amministrazioni comunali. In questo secondo caso anche comuni fortemente avversi all’ospitalità dei migranti si trovano ad aver migranti presso il proprio territorio se un cittadino affitta gli alloggi.

Per noi vale il principio del rispetto delle regole e della concretezza anche per la situazione migranti, sulla quale è già prevista da tempo un’assemblea pubblica per la metà di settembre per informare (e non spaventare) la cittadinanza. Chi viene qui, ad Angera e chi apre le porte a questo tipo di assistenza o di “business” deve sapere che è necessario che le regole vengano rispettate come le rispettano tutti gli altri, altrimenti non c’è posto.

Ecco alcune tappe dell’attività dell’amministrazione sul tema.

Dall’arrivo delle prime 4 migranti abbiamo cercato più volte poco fruttuosamente di avere contatti con la cooperativa per capire quali erano i programmi.

Il 6/7 invio una mia disposizione scritta agli uffici, dove richiedo formalmente che vengano effettuati sopralluoghi presso l’abitazione/struttura, da parte dell’ufficio tecnico e della polizia municipale.

Il 12/7 vengono effettuati i sopralluoghi da parte dell’ufficio tecnico e della polizia urbana. Il 13/7 vengono effettuati altri sopralloghi da parte della polizia urbana.

Il 14/7 il responsabile dell’ufficio tecnico redige una relazione, allegando verbale di sopralluogo, ove vengono supposte possibili “carenze sotto il profilo igienico-sanitarie”.

Sulla base di questo documento invio informativa al Prefetto, il giorno stesso.

Il 25/7 viene inviata richiesta di verifica delle condizioni igienico-sanitarie all’ATS (exASL), unica titolata ad esprimersi sulla questione, onde supportare eventuali altre azioni.

A fine luglio arrivano gli ulteriori 12 migranti, in altri 2 appartamenti dello stabile su cui l’ATS doveva condurre gli accertamenti. Della questione ne vengo informato dal sig. Prefetto il giorno prima. L’1/8 riceviamo l’informativa dalla cooperativa sui nominativi delle persone alloggiate.

L’8/8 l’ATS svolge il sopralluogo e redige il verbale il giorno 9/8.

Il giorno 9 o 10/8 riusciamo ad incontrare i responsabili della cooperativa.

Il 16/8 invio una richiesta di incontro al sig. Prefetto per parlare della situazione, sulla base del verbale della ATS. L’incontro mi vien fissato per giovedì 24/8.

Il giorno 17/8, viene comunicato ai proprietari degli alloggi e alla cooperativa un avvio di procedimento.

Sempre il 17/8 emetto una ordinanza sindacale, dove comunico le irregolarità rilevate e intimo la risoluzione delle stesse, alcune immediate e altre  entro 30 giorni.

Per concludere, ricordo che tutti i consiglieri hanno accesso agli atti e prima di accendere polemiche strumentali sarebbe bene che si informassero. Noi amministratori pubblici siamo tenuti a seguire le leggi e non a lasciarsi andare a suggestioni. La mia posizione, non preconcetta ma pragmatica e documentata, l’ho espressa già in precedenza su un editoriale che ha trovato largo spazio sui giornali, che invito a leggere.

La questione migranti vista da un sindaco (clicca sopra per leggerlo).

9 comments

  1. Riccardo

    Finalmente una risposta esaustiva.

    Commento che piace/non piace a più di: Thumb up 25 Thumb down 2

  2. Anonimo

    Tutta questa vicenda ha dell’incredibile. Premesso che i cittadini hanno scelto e votato un candidato sindaco e accertato che lo stesso si era presentato con una squadra che ne condivideva il programma mi è difficile pensare che si possa, a piacere, abbandonare una coalizione arrogandosi il diritto di trasportare anche i voti dii preferenza ottenuti come se questi fossero disgiunti dalla figura rappresentativa della tornata elettorale. E’ difficile da valutare ma non è detto che le persone che hanno dato una preferenza ad un candidato non l’abbiano fatto anche in funzione del sindaco e del programma che lo stesso rappresentava. Il modello che spesso abbiamo visto fare in parlamento mal si può assimilare ad un contesto di cittadini di un piccolo comune. Io spero che Lorenza abbia ben valutato i pro e i contro ma, considerato il suo passato, non posso non considerare la sua scelta a dir poco avventata. La sua vicinanza alla Chiesa e al Suo Pastore Francesco non da una lettura condivisibile alle sue ultime esternazioni….ma come l’accoglienza e la fratellanza sono ora disconosciute . E poi questa storia che sarebbe stata incompresa e messa da parte dalle scelte e decisioni in seno alla maggioranza…sembra una storia già ascoltata qualche tempo fa e che oggi si ripete. Il carattere e l’onestà individuale vorrebbe che se dissento dal gruppo che ha vinto le elezioni MI DIMETTO attendendo in un futuro altre opportunità di condivisione con altri gruppi politici. Ma questa è un altra storia il futuro ci darà la chiave di lettura e le scelte dei concittadini giudicheranno nell’urna l’assenso o il dissenso.

    Commento che piace/non piace a più di: Thumb up 45 Thumb down 3

  3. Iole

    Basta, ma siete ossessionati da questi pochi migranti che sono arrivati!
    Ma pensate alle cose serie, alla droga in riva al lago e ai vostri figli senza futuro. Magari attrezzatevi e organizzatevi come comune per gestire voi i migranti. C’e’ chi dall’accoglienza crea posti di lavoro, sinergie, esperienze positive. Certo ci vogliono idee e impegno. Piu’ facile sbraitare che non si vogliono e li ha mandati il prefetto. Anche dal punto di vista economico ci si puo’ guadagnare come comunita’. Non e’ vero che sono solo costi. E’ solo che sono una fonte di lamentela facile per coprire i problemi veri e inc…un po’ che non fa mai male. Soprattutto farlo con i poveri e i deboli, con quelli che davvero impoveriscono le nostre comunita’ state zitti. E parlo di noti abitanti del lungolago, non esattamente dal comportamento esemplare comunque ben tollerati dagli angeresi!!

    Commento che piace/non piace a più di: Thumb up 39 Thumb down 8

  4. Punto interrogativo

    Chiedo a Iole.Chi sono i “noti abitanti del lungolago” di cui parla sopra? E soprattutto cosa fanno?

    Commento dibattuto. Cosa ne pensi? Thumb up 2 Thumb down 6

  5. Cittadina di angera

    Sono completamente d accordo su tutto quello detto sopra da anonimo. Tutta questa vicenda ha dell’ incredibile! Per quanto possa valere io ho votato questo sindaco e ho fiducia in questo sindaco! Punto!

    Commento che piace/non piace a più di: Thumb up 32 Thumb down 5

  6. Anonimo

    A chi ha dato un giudizio negativo alla domanda.Perche’? Vediamo se riesce a dare una risposta sensata!!!

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 2 Thumb down 1

  7. anonimo cronista

    Dagli scritti e dalle percentuali di “piace/non piace” risulta una netta vittoria con percentuali stratosferiche oltre il 90%. In queste ore ho parlato con la gente di Angera e l’opinione è comune..Lorenza ha sbagliato. Il viale alberato che stava percorrendo con i cittadini che apprezzavano il suo operato è stato sostituito da un polveroso viottolo di campagna con pochi anonimi che le sorridono ( non si capisce se per saluto o scherno ). Lorenza ha dimenticato che questo suo gesto potrebbe stoppare una serie di lavori che, piaccia o no, i cittadini di Angera aspettavano da anni. Primo di tutti la Scuola Materna di via Arena che le giovani coppie aspettano dal 2012 e che ora può arrivare a compimento con progetto esecutivo approvato ed inizio lavori a poche settimane. A Lorenza potrebbe essere attribuito il fallimento di questo lavoro e di altri altrettanto importanti per la collettività. Forse questo non lo ha valutato ma qualcuno glie lo ricorderà in campagna elettorale si dovesse ripresentare. Il danno che il suo gesto ha creato è grave; io non conosco cosa gli è stato offerto in cambio?? non lo so ma questo gesto, a detta di molti ha dell’incredibile. Auguri Lorenza ieri eri punto di riferimento per molti oggi sei tornata nell’anonimato.

    Commento che piace/non piace a più di: Thumb up 28 Thumb down 6

    1. realista

      Vediamo di non esagerare , forse la signora Marzetta doveva andarsene prima , visto le motivazioni scritte nella missiva di dimissione . Tutto ciò che contesta è stato da lei votato , forse che gli amici leghisti hanno in mente di farla capolista ? Magari con vice l’ex carabiniere in pensione , rabbrividisco al pensiero.

      Commento che piace/non piace a più di: Thumb up 21 Thumb down 3

  8. anonimo cronista

    Oggi ho aperto il giornale “La Prealpina” e alla pagina cronache angeresi ho letto l’articolo a firma ” Angera Futura”. L’articolo parla della New Entry e di quanto la stessa abbia sempre agito e lavorato bene anzi benissimo; sono andato leggere il nome della New Entry e con mia sorpresa scopro che è Lorenza. Ma come è la stessa persona che in questi circa 3 anni di esercizio nelle varie funzioni ha ricevuto insulti, pugni nello stomaco ed altro sempre dalla stesso; forse mi stavo sbagliando noooo mi dicono gli amici che con me stavano osservando l’articolo “é proprio la stessa. Guarda guarda l’uomo come è volubile, Lei è sempre Lei ma Lui forse sta rivedendo tutto il suo passato “POLITICO” o forse sta tirando un altro bidone a Lorenza questa volta.

    Commento dibattuto. Cosa ne pensi? Thumb up 13 Thumb down 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>