«

»

Apr 15 2017

Turismo che vieni, da noi tornerai

Ufficio turistico AngeraStamane, sono stato all’imbarcadero per inaugurare, insieme al Prof. Interdonato, la colonnina della ricarica dei telefoni, donata dal Rotary Club Sesto Calende-Angera. Oggi era anche il primo giorno di apertura del nostro ufficio turistico.

Nell’oretta di permanenza, sono rimasto colpito dalla grande affluenza di pubblico. Ad un certo punto, vista la coda davanti all’addetta, mi sono improvvisato assistente, anch’io. Non vi dico con l’inglese. Però precisavo che non ero un addetto, per farmi perdonare.

Beh, ho scoperto che i nostri alberghi avevano il tutto esaurito, che Angera piaceva. La gente chiedeva di tutto. Dal classico, cosa fare, come andare alle isole, cosa si poteva visitare in zona. Qualcuno voleva noleggiare auto o biciclette, barche. Tanti tedeschi. Italiani. Dal Veneto e dal Trentino quelli a cui ho dato indicazioni. Famiglie o gruppi con biciclette. Abbiamo offerto da bere.

Ancora tanto c’è da fare. La via è tracciata. Ora sta un po’ a tutti noi. Angera deve diventare una località turistica, non solo del casino domenicale e delle notti bianche. Deve diventare un luogo dove “è piacevole” stare.

Qualcosa si muove. Aver riqualificato quest’area ha fatto sì che uno svizzero decidesse di riaprire il ristorante “Il Verbano”, chiuso da 20 anni. Matteo e i suoi del Mira hanno creato un dehors 4 stagioni. Brasca ha abbellito il suo. Paolo Ponti dopo aver aperto un bel bar, ieri ha inaugurato un ristorante e a breve un hotel che in un week end come questo avrebbe fatto il tutto esaurito. Anche la nuova edicola-tabaccheria sul lungolago ha deciso di creare un’area di lettura e svago per i suoi clienti.

Ma un po’ tutti, tra dubbi e entusiasmi si stanno dando da fare. Bene così!

Commercio e attività ad Angera

 

Lascia una recensione

14 Commenti on "Turismo che vieni, da noi tornerai"

Notificami
avatar
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
pippo
Ospite

Se si vuol fare un elenco, lo si faccia almeno completo. Altre attivita’ commerciali hanno rinnovato e abbellito i loro locali. Signor sindaco, cammini di piu’ e pedali di meno!

 
Anonymous
Ospite

Tante hanno rinnovato ma altrettante hanno chiuso (quel negozietto in piazza parrocchiale ad esempio… come si chiamava Conad)? e altri sono i fase di chiusura….. ma va bene uguale!

 
Anonymous
Ospite

Ma il fiorista resterà aperto?
Correva voce che……..

 
Luisa
Ospite

È un vero peccato che abbia chiuso la Conad in centro.Era non soloun negozio ma anche un servizio per tante persone,non solo anziane.Era anche un punto di aggregazione per il centro del paese.La piazza che lo ospitava ,secondo me ,ha perso molto.Bello parlare e dire che servono i turisti….intanto si elimininano gli rsercizi commerciali che servono alle persone che vivono in questo paese tutto l’anno non solo d’estate!
E dire che lo spot della Conad è “persone oltre le cose”,forse dappertutto ma non qui!

 
realista
Ospite

Lo apra Lei un esercizio in perdita , la scelta è solo economica , la CONAD non eroga servizi sociali , ma un azienda che da un servizio a pagamento , ovvero vende i su8oi prodotti che debbono produrre utili , mancando utili le aziende chiudono a meno di chiamarsi ALITALIA .

 
Anonymous
Ospite

ha perfettamente ragione.
lo conferma la conad di Taino che è sempre aperta.
Già, dimenticavo: Taino ha più di 10000 abitanti, per quello che funziona

 
Luisa
Ospite
Rispondo ad Idealista.Verissimo quello che dice lei.La Conad non eroga servizi sociali ma ,come tutti i negozi del paese, deve vendere i prodotti che devono generare profitto.Il fatto è che se ragioniamo solo in termini di fatturato ,a mio avviso,buona parte dei negozi ed esercizi in questo paese dovrebbero chiudere(vedi caso del negozio che vendeva le birre o il negozio di ottica in via Greppi)…..Comunque la si pensi la chiusura della Conad ha prodotto solo diasagi e non si è sentito mai nessuno in questi mesi dire che la Conad ha fatto bene ha chiudere il punto vendita(sappiamo che la… Leggi il resto »
Luisa
Ospite

Rispondo ad Anonimo del 3maggio:parole sante le sue! Bravo! E non sto scherzando!

 
Anonymous
Ospite

ha provato a chiedere a Di Lullo o Giombelli se hanno avuto qualche incremento da quando ha chiuso la Conad?
Esempio: la pasta dove vanno a comperarla gli angeresi?
In mancanza di negozi al tigros o alla esselunga.
Io per altro sono dell’avviso che i centri commerciali facciano disastri, sotto tanti punti di vista.

 
Luisa
Ospite

Non tutti possono permettersi i prezzi di Di Lullo o Giombell.Lo dico con il massimo rispetto nei confronti di quei negozi.E’ logico e scontato che i supermercati e i centri commerciali abbiano prezzi inferiori a quelli dei negozi…almeno così però si amplia la platea delle persone che possono permettersi di fare la spesa.Considerazioni ovvie!

 
Anonymous
Ospite

La conad vende focacce e brioches del Dilullo.
Li vende a prezzi inferiori?

 
anonimo
Ospite

Consiglio: chi pubblica le notizie sugli eventi in programma ad Angera, CIRCENSE e CISTERCENSE, sono due parole con significati completamente diversi. A meno che durante l’ evento ” CIRCO ALLA ROCCA”, non si esibiranno dei Monaci cistercensi.

 
Anonymous
Ospite

Ci volevano i Borromeo per far arrivare un circo senza animali….BRAVI GLI ORGANIZZATORI.
Curiosa di vedere se vedremo altri circhi con animali sul lungo lago