«

»

Mar 24 2017

Ripristino dei canali

I nostri canali, torrenti e rogge da moltissimi anni, in alcuni casi mai, non venivano dragati, ne erano stati ripristinati gli argini. Uno dei lavori di questo inizio d’anno è stato quello di ripristinarne il letto in diversi punti del territorio.

Il torrente Vepra, che arriva da Cadrezzate e, passando per Capronno e Barzola, giunge al ponticello della Rialti (in zona discarica) per poi ripiegare verso le Paludi e andare in direzione della Quassa, in diversi punti presentava un letto ormai cancellato e le acque straripavano nel bosco e nelle campagne. Dopo la dragatura ha ripreso il suo naturale decorso.

Il Vepra. A sinistra il fiume che straripa nelle campagne. A destra dopo il dragaggio.

Così pure, il Rongione che giunge dalla collina di San Quirico all’Altinada e poi scende dietro l’ospedale per poi essere intubato verso la scuola, il centro, per giungere a lago, nell’inverno 2014 era straripato mettendo a rischio alcune abitazioni in Altinada. Ora dopo la sistemazione ripresenta un alveo con argini.

Rongione. A sinsitra lo straripamento. A destra e sotto immagini dopo la sistemazione.

4 comments

  1. Anonimo

    Meraviglioso! La cura del territorio con i suoi ambienti più o meno modificati dall’uomo è segno, secondo me, di rispetto per le nostre radici e tradizioni, oltre che opera di civiltà per il presente.
    Aspettiamo le cure del ruscello che scende da Taino e attraversa la bassa Bruschera: purtroppo ora si ferma nel bosco e forma uno stagno, luogo di mali odori e allevamento intensivo di zanzare.

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 3 Thumb down 2

  2. Anonimo

    …giunge al ponticello della Rialti (in zona discarica). Ma lo chiami come da sempre viene chiamato “punt di sass”

    Ti piace o non ti piace: Thumb up 2 Thumb down 5

    1. Anonimo

      Se non sbaglio il ponticello della Rialti è nel comune di Taino non di Angera, dunque dovrebbero pensarci loro.

      Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 5

    2. Anonimo

      La manutenzione del torrente Vepra dal ponte di Capronno sino alla foce sarebbe di competenza provinciale

      Ti piace o non ti piace: Thumb up 0 Thumb down 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>