«

»

Mar 05 2016

Ogni cosa letta è oro per la mente

image

Pasolini e la Callas durante le riprese del film Medea

Nell’era dei messaggi brevissimi di Twitter, delle immagini di Instagram, dei pensieri sintetici di Facebook sembra improponibile il pensare che esista qualcosa che possa arricchire la nostra mente e il nostro spirito.

Nel giorno in cui è nato Pier Paolo Pasolini, mi sento di consigliare a tutti i giovani questo aforisma. Io l’ho provato e funziona davvero così.

“Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”

 

Lascia una recensione

10 Commenti on "Ogni cosa letta è oro per la mente"

Notificami
avatar
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Anonymous
Ospite

Forse non è la stessa cosa che leggere letteratura ma mercoledì pomeriggio mi è capitato di essere alla discarica e ho visto nel container della carta tutta una enciclopedia, quelle classiche della De Agostini (almeno sembrava) con il bordo in pelle rossiccia e lettere dorate e copertine telate color nocciola. Che brutto, sarà stata superata ma proprio buttare una enciclopedia? sembrava pure ben tenuta ma certo non sono sceso nel container a guardare. Le mie enciclopedia sono ancora a casa sulla biblioteca, in bella vista

 
Anonymous
Ospite

l’ignoranza non si colma conservando una enciclopedia

 
Luisa
Ospite

Bruttissimo quelo che racconta Anonimo….i libri non devono mai essere gettati via ,sono davvero oro per la mente! Se non si potessero più tenere si possono regalare alle biblioteche o a varie associazioni culturali….riflettiamo…..

 
Anonymous
Ospite

Luisa hai provato portare libri ad una biblioteca?

 
Luisa
Ospite

Non esistono solo le biblioteche.Esistono anche le associazioni culturali(tipo amici pien di Verra) che li raccolgono e li vendono.Io personalmente ne ho portati parecchi e ne ho acquistati tanti….così i libri circolano!

 
angerese
Ospite

A proposito, ma di chi è la casa di Pian di Verra? L’associazione raccoglie fondi che, a quanto mi hanno detto, vanno a migliorare una casa che sarebbe di un signore valdostano,tra l’altro a quanto mi risulta la Parrocchia sarebbe interessata a mandare altrove i ragazzi per l’estate, di proposte più interessanti (dopo 40 anni nello stesso posto) ce ne sono…

 
famigerato anonimo
Ospite

La casa è in affitto all’Associazione, come tutti sanno. E lei quali proposte avrebbe di più interessanti per l’estate? allo stesso prezzo? Cosa vuol dire “a quanto mi hanno detto?” Si autodefinisce “angerese” e non sa nulla dell’Associazione Amici di Pian di Verra? ma nel contempo conosce i piani della Parrocchia per i campeggi estivi? Strano davvero……

 
angerese
Ospite

Strano? Perché quando si viene ad abitare ad Angera ti istruiscono sulle vacanze estive
a Pian di Verra? Comunque stia tranquillo, dei piani della Parrocchia non so nulla,
ho solo riportato una considerazione che ho sentito e che mi pareva sensata, ma dal
numero di punti interrogativi con cui mi ha risposto devo essermi sbagliato.

 
Anonymous
Ospite
Pian di Verra è un posto bellissimo ma sfido almeno il 90% degli angeresi a confermare che sapevano che la casa è affittata dall’Associazione, penso che la maggioranza pensasse che fosse a nome della Parrocchia o dell’Oratorio e non di questa associazione. Sfido almeno il 90% degli angeresi a confermare che sanno a quanto ammonta il costo dell’affitto. Io penso che dopo oltre 40 anni nello stesso posto, per quanto bello, non sia un insulto pensare di cambiare. In Italia ci sono tanti posti belli, Macugnaga ha un panorama sicuramente più bello, la Formazza è carina, le alpi piemontesi sono… Leggi il resto »
MASSIMO DOTTA
Ospite

Lo scorso anno stavo liberando alcuni vecchi armadi pieni di fumetti e altri libri, c’erano tra gli altri alcuni libri per bambini tenuti benissimo e ho pensato che questi libri (una trentina) alla nostra biblioteca potessero interessare, ma la responsabile mi ha risposto che non li voleva. Ho girato i tacchi e me ne sono tornato a casa senza dire parola e senza ascoltare altro.